loading...
Home / Cronaca / TORINO, L’ASSASSINO RACCONTA TANTE BALLE! Orrore ai Murazzi, l’esperta: troppe cose non tornano sul marocchino

TORINO, L’ASSASSINO RACCONTA TANTE BALLE! Orrore ai Murazzi, l’esperta: troppe cose non tornano sul marocchino

loading...

Qualcosa non torna nel caso di Said Machaouat, il 28enne italo-marocchino che ha barbaramente ucciso con una coltellata alla gola Stefano Leo ai Murazzi, a Torino. Il magrebino ha confessato di averlo scelto dopo 20 minuti di “osservazione” tra i passanti, e di essersi deciso ad ammazzarlo perché voleva una vittima “italiana, felice e sorridente. Volevo togliergli tutto, a lui e ai suoi familiari. E lo volevo giovane perché avrebbe fatto più scalpore“. Una motivazione sconvolgente, anche per il pm che ha voluto “far ripetere quelle parole due volte”, e dietro cui si celerebbe un fortissimo disagio sociale, economico e psichico.

“Non credo che sia la vera motivazione”, è però la tesi della psicologa Vera Slepoj, intervistata dal Giornale: “Leggiamo che l’uomo è depresso, ma ogni manuale di psicologia insegna che il depresso solitamente si sente implodere in se stesso e in lui piuttosto, matura un sentimento di auto eliminazione. Qui qualcosa non torna. Vedo piuttosto un desiderio di stabilire un potere sugli altri. Prova è che il killer si sarebbe preparato all’evento. Ha comprato i coltelli, ha aspettato la sua preda. L’ha scelta con determinate caratteristiche”. A disturbarlo non era tanto la felicità dell’italiano, spiega la Slepoj, quanto la sua normalità, “che lui voleva annientare”. Per invidia, dunque: per “punire il mondo perché il mondo ha più di quello che ha lui, che lui non ha più. Di fondo c’è un fortissimo bisogno di protagonismo“, patologico e ossessivo. “Ha voluto punire la società che non si accorge di lui e l’arma usata non è casuale. Lo sgozzamento è un rito, un sacrificio, una punizione in cui si ribadisce la sottomissione dell’altro che lui riteneva di dover punire. Ha visto la sua preda, lo ha aspettato e lo ha sacrificato, gli ha preso l’anima, non i soldi”.Condividi

Fonte clicca qui

loading...

Check Also

“Adesso cosa ci dicono Bonino, Saviano e la Boldrini?” Giordano dopo l’omicidio di Torino smaschera l’ennesima balla della feccia rossa che chiede lo Ius soli

loading... A Fuori dal coro Mario Giordano si scaglia contro la feccia buonista commentando l’omicidio del giovane di …

loading...

Lascia un commento

loading...