loading...
Home / Cronaca / Sicilia, il problema non è la mafia, ma la SeaWatch: giudici di nuovo all’attacco, nuova denuncia per Salvini e l’intero governo

Sicilia, il problema non è la mafia, ma la SeaWatch: giudici di nuovo all’attacco, nuova denuncia per Salvini e l’intero governo

loading...

Potrebbe riaprirsi di nuovo il fronte immigrazione nel governo. Dopo due mesi dallo scontro sul caso Sea Watch, con la nave tenuta al largo per diversi giorni, è la procura dei minori a tirare in ballo le presunte “violazioni” commesse a danno nei migranti minorenni.

Il procuratore dei minori di Catania, Caterina Ajelloha inviato gli atti alla procura generale di Catania. A sua volta il procuratore Roberto Saieva, riporta Report, “conferma di averli ricevuti, ma non conferma né smentisce di aver a sua volta inviato quegli atti al procuratore capo Carmelo Zuccaro per aprire un fascicolo penale”. Dalla segnalazione, fa però notare Avvenire, potrebbe nascere “una inchiesta simile a quella del caso Diciotti”.

Al centro dell’attenzione c’è la questione dei quindici migranti minorenni che erano a bordo della Sea Watch questo gennaio. La nave umanitaria rimase in rada di fronte al porto di Siracusa per quasi una settimana in attesa di un accordo politico europeo sui migranti. Poi venne “dirottata” a Catania e qui gli immigrati, minori e aduti, scesero a terra. Era il 31 gennaio.

Il 25 gennaio però il procuratore dei minori di Catania prese carta e penna e scrisse sia al Viminale che al Mit per segnalare “i diritti di questi minori stranieri che non potevano essere esercitati se non dopo lo sbarco”. Il problema, sottolinea il pm, è che “non abbiamo ricevuto risposta”. “A rispondere alle sollecitazioni della procuratrice – spiega Report – è solo la Questura di Siracusa, che afferma di non poter agire poiché ‘a livello centrale non era stato ancora individuato il Place of safety (Pos), cioè il porto di sbarco’“.

Secondo la Ajello nella gestione del caso Sea Watch c’è stata “sicuramente una violazione”, almeno “sotto il profilo dei minori“. Dovevano sbarcare subito?, chiede il giornalista. “I minori hanno diritto al permesso di soggiorno in Italia”, conferma la Ajello.

Ora che gli atti sono stati inviati alla procura, però, spetta al pm di Catania competente decidere il da farsi. Sia il fascicolo aperto a Siracusa, sia gli atti del procuratore dei minori sono passati al procuratore generale di Catania dopo lo sbarco dei 47 immigrati nella città etnea. Che la violazione “costituisca reato è da vedere – spiega la Ajello – e comunque non sono io a dovermene occupare”.Condividi

Fonte clicca qui

loading...

Check Also

“Adesso cosa ci dicono Bonino, Saviano e la Boldrini?” Giordano dopo l’omicidio di Torino smaschera l’ennesima balla della feccia rossa che chiede lo Ius soli

loading... A Fuori dal coro Mario Giordano si scaglia contro la feccia buonista commentando l’omicidio del giovane di …

loading...

Lascia un commento

loading...